Un giorno all’Isola del Giglio

Se siete in cerca di idee per gite fuori porta e fughe dalla realtà che durano solo 24 ore, questo è l’articolo giusto: vi racconto un giorno di luglio all’Isola del Giglio!

Isola del Giglio – porto
Isola del Giglio – spiaggia Caldane
Isola del Giglio – spiaggia Caldane

Stanche della solita routine, con le mie amiche abbiamo organizzato una gita di un giorno all’Isola del Giglio, per goderci un pò di mare come si deve, allontanarci dai soliti lidi e passare una giornata diversa dal solito.

Come arrivare all’Isola del Giglio

Partiamo da Roma verso le 7.00 di mattina, con destinazione Porto Santo Stefano, da dove parte il traghetto per il Giglio. Subito di fronte al porto c’è un parcheggio dove si può lasciare l’auto per l’intera giornata al prezzo di €15.
Il tragitto fino all’Isola del Giglio dura più o meno un’ora e la traversata è stata piacevole e tranquilla.

Arrivati al porticciolo del Giglio, si capisce che l’acqua è di una qualità superiore. Qui si possono noleggiare barche e gommoni anche senza patente nautica, prendere un taxi boat, oppure optare per uno dei tanti tour dell’isola. Questi ultimi hanno una durata media di un paio d’ore, e con €30/€35 si può fare un tour delle calette più belle.

Noi abbiamo optato per un taxi boat, che per €15 a persona ci ha portate alla spiaggia delle Caldane.

Un angolo di paradiso

Man mano che il taxi boat si avvicinava alla nostra destinazione, un panorama sensazionale si è aperto davanti ai nostri occhi: una piccola caletta di sabbia bianca e limitata ai lati da rocce e alberi ci ha accolto in tutta la sua bellezza. Uno stabilimento permette di noleggiare lettini e ombrelloni, ma probabilmente va prenotata in anticipo. Noi abbiamo steso i nostri teli a terra e senza aspettare un minuto di più, ci siamo tuffate in acqua.

Esplorando

I colori vividissimi, il sole e l’acqua che sembrava una piscina ci hanno lasciate a bocca aperta. Abbiamo passato la giornata quasi sempre in acqua, visto il caldo che faceva, e ci siamo rigenerate dalle fatiche della settimana.

Isola del Giglio – spiaggia Caldane
Isola del Giglio – spiaggia Caldane
Isola del Giglio – spiaggia Caldane

Dopo aver mangiato il nostro pranzo al sacco ci siamo date all’esplorazione dei percorsi che si diramavano a destra e a sinistra della spiaggia. Abbiamo scoperto punti panoramici e piccoli sentieri che si inerpicavano verso l’alto.

La giornata volge al termine, ed arriva purtroppo l’ora di rientrare. Il taxi boat si presenta puntualissimo all’ora concordata e con un ultimo sguardo verso questo minuscolo angolo di paradiso, torniamo al porticciolo dove ci aspetta il traghetto per Porto Santo Stefano.

Ripresa la macchina, torniamo verso Roma, e nonostante il traffico e la stanchezza, siamo soddisfatte della bellissima giornata, dei panorami visti e dell’esperienza fatta. Ci siamo alzate prestissimo e siamo tornate a casa tardi, ma ne è valsa la pena, senza ombra di dubbio!

Consigli pratici

– prenotare i biglietti del traghetto con qualche giorno di anticipo. I traghetti partono circa ogni ora sia da Porto Santo Stefano che dal Giglio, ma per gli orari precisi vi consiglio di visitare il sito Traghetti Giglio
– organizzarsi con pranzo al sacco e tanta acqua, visto che non in tutte le calette si trovano bar e punti di ristoro
– se si vogliono esplorare i sentieri e le alture attorno alle calette, è consigliabile indossare scarpe adatte, poichè con le ciabatte da mare potrebbe risultare difficoltoso e anche un pò pericoloso

Ciao Giglio, questo è solo un arrivederci! Per vedere altre foto, reel e stories di questa giornata seguitemi su Instagram e contattatemi se avete domande o curiosità!

Viaggiate con me!

14 commenti su “Un giorno all’Isola del Giglio”

  1. Guardando le tue foto mi è venuta ancora più nostalgia delle estati italiane fatte di mare, gite in barca di un giorno per raggiungere isole bellissime come Giglio e tornare a casa stanchi ma contenti! Devo decisamente tornare presto ed includere questa bellissima isola.

  2. Andavo al Giglio con i miei genitori, a Giannutri e Elba. L’arcipelago toscano è davvero una meraviglia a portata di… barca. Bello rivedere quei colori vividi del mare e delle rocce, mi sono tornati alla mente i bagni e i tuffi da ragazzina.

  3. Sono stata al Giglio per lavoro e mai in vacanza. Leggendo il tuo articolo e vedendo le foto mi è venuta la saudade per questo bellissimo posto… ci tornerei anche domani. E’ veramente bella ed il tuo racconto è super con tutte le informazioni.

  4. Mai stata all’isola del Giglio ma me ne hanno sempre parlato molto bene. È sempre bello partire, anche quando il tempo è poco. Se poi si è in buona compagnia…tanto meglio!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.