Mercatini di Natale in Abruzzo: Roccaraso e Campo di Giove

Mercatini di Natale in Abruzzo: Roccaraso e Campo di Giove

Ecco due dei migliori mercatini di Natale in Abruzzo: a Roccaraso e Campo di Giove si respira la perfetta aria natalizia, e in più ci sono anche tante altre attività da fare.

In questo articolo ti parlerò di Roccaraso e Campo di Giove, dove vengono allestiti ogni anno due dei migliori mercatini di Natale in Abruzzo. Continua a leggere e scopri tutto quello che c’è da sapere su queste due località abruzzesi.

Mercatini di Natale in Abruzzo

Il Natale è il periodo dell’anno dei mesi invernali che preferisco, perchè solitamente non amo particolarmente l’inverno, il freddo, la neve e i cappotti, ma a Natale non solo li accetto di buon grado, ma anzi vado a ricercare in giro per l’Italia quei contesti prettamente invernali che con i mercatini di Natale diventano semplicemente magici.

Quest’anno ho deciso di andare a visitare i mercatini di Natale in Abruzzo, una regione che ho scoperto da poco. Sono venuta per la prima volta in Abruzzo l’estate scorsa, e ho passato un weekend all’insegna del relax tra Ortona e Scanno, ho fatto una cena su un trabocco eccezionale e ho potuto conoscere meglio questa regione, e ho deciso di tornare qui per vedere come fosse in inverno. Che dire: meravigliosa!

Mercatini di Natale in Abruzzo

Ho sfruttato la scusa dei mercatini di Natale in Abruzzo anche per provare l’esperienza della Transiberiana d’Italia, un treno storico che a seconda del periodo dell’anno ferma in stazioni diverse e permette di conoscere il territorio abruzzese dai finestrini di un treno d’epoca in una giornata totalmente offline. Ecco quindi che sono partita da Sulmona, dove ho scoperto i rinomati confetti di Sulmona, alla volta dei più bei mercatini di Natale in Abruzzo, e ho vissuto un weekend indimenticabile.

Quando si pensa ai mercatini di Natale vengono in mente subito destinazioni nordiche, come Trento o Bolzano, ma c’è da dire che anche il Centro Italia si difende bene in questo senso, basti pensare ai mercatini di Arezzo, di Montepulciano, di Gubbio e Avezzano. Non serve stare sulle Alpi per avere dei mercatini di Natale colorati, divertenti e ben allestiti, e io ho voluto conoscere meglio quelli dell’Abruzzo che, guarda caso, vengono toccati proprio dal percorso della Transiberiana d’Italia sotto Natale.

Roccaraso

La prima tappa della Transiberiana d’Italia è stata Roccaraso, e qui ho trovato il primo dei due mercatini di Natale in Abruzzo della giornata. Appena uscita dalla stazione si intravedeva già il corso principale tutto addobbato a festa con le prime bancarelle. Devo essere sincera, mi aspettavo di più da questo mercatino, soprattutto visto il periodo natalizio, ma le bancarelle presenti erano davvero particolari: prodotti in legno, offerte enogastronomiche particolari, artigianato locale, libri e decorazioni natalizie.

Mercatini di Natale in Abruzzo

Quando si finisce di percorrere il corso e si arriva alla piazza principale di Roccaraso ci si trova di fronte a uno spettacolo tipicamente montano: le casette dei mercatini di Natale posizionate a semicerchio sulla piazza e al centro due grandi bracieri dove potersi scaldare. La neve quest’anno non era ancora arrivata per bene, quindi ce n’era poca sia sulle strade che in montagna, per cui anche l’atmosfera sembrava un pò meno invernale.

Neve a parte però, al mercatino di Roccaraso sulla piazza principale della località montana si possono trovare la casetta di Babbo Natale, dove i bambini possono parlare direttamente con lui ed esprimere i loro desideri natalizi, e tante specialità culinarie abruzzesi e non. Immancabili gli arrosticini, ma anche i panini con salsiccia e broccoli, o con la porchetta. Io ho preso per me un enorme brezel buonissimo, e poi per pranzo ho ceduto ad un panino, accompagnato da un ottimo vin brulè fumante e bollente.

Transiberiana d'Italia

Come dicevo, le bancarelle sono numericamente poche, e mi aspettavo un pò di più in termini di quantità, per cui dopo averle girate brevemente e aver acquistato un buon libro (non penso che riuscirò mai a passare davanti a una bancarella di libri senza comprare nulla), mi sono diretta alla seggiovia che portava un pò più in alto sulla montagna.

Con la seggiovia sono arrivata quindi a un rifugio dove si poteva sia pranzare che rilassarsi al sole godendosi la poca neve che c’era, e sono tornata bambina per un pò: mi sono ricordata di quando andavo a sciare con la mia famiglia da piccola, di quanto mi piacesse starmene a guardare le piste da sci e farmi scaldare dal sole tutta imbacuccata nei miei vestiti pesanti, e poi ho visto un’altalena, e non ho resistito, ho fatto un giro!

Mercatini di Natale in Abruzzo

Da questo rifugio si può ammirare Roccaraso dall’alto e la bella giornata che ho trovato era perfetta per esplorare un pò i dintorni, per cui mi è piaciuto proprio tanto allontanarmi brevemente dal centro per venire quissù, per poi tornare giù e guardare nuovamente gli alberghi in stile anni ‘80 che affollano le vie della città.

Roccaraso mi è piaciuta, ma ad essere sincera non mi ha entusiasmata al 100%. La giornata però non è ancora finita, e Campo di Giove è la prossima tappa.

Campo di Giove

Campo di Giove è una città sicuramente meno nota di Roccaraso, ma che a me è piaciuta molto di più. Già arrivando in centro dalla stazione ho colto la differenza, in quanto Campo di Giove è molto più piccola e folkloristica. Amo i piccoli borghi e le sue stradine mi hanno ricordato un pò quelle di Civita di Bagnoregio, che ho immaginato con la neve (cosa alquanto insolita nella realtà). I mercatini di Natale di Campo di Giove sono più che semplici mercatini: sono un vero allestimento in scala gigante.

Arrivata alla prima piazza del paese, guardando dritto davanti a me ho visto una stradina in salita con un grosso cartello che riportava la scritta “mercatini di Natale” e quindi mi sono inerpicata, entrando nel cuore del paese. Nelle vie c’erano degli altoparlanti che trasmettevano musica natalizia e tutti i portoni, i balconi e gli edifici erano addobbati con decorazioni natalizie, e il tutto creava un’atmosfera davvero promettente.

Mercatini di Natale in Abruzzo

Il mercatino di Campo di Giove inizia nella piazzetta subito successiva a questa via in salita, e si presenta tipicamente natalizio: tante casette in legno disposte a semicerchio attorno alla piazza, con tavoli e sedie per sedersi, banconi alti con sgabelli per chi beve solamente qualcosa, e anche qui dei grandi bracieri con un bel fuoco scoppiettante per riscaldarsi

Anche in questa piazzetta a Campo di Giove si trovano le prelibatezze locali, come gli arrosticini, le crepes con la Nutella, le frittelle, i waffle e chi più ne ha più ne metta. Nonostante però le panche in piazza facciano molto atmosfera da sagra, secondo me è meglio gustare questi cibi tipici guardando la Majella che è proprio lì di fronte, sedendosi su una delle panchine del piccolo parco giochi vicino alla piazza.

Transiberiana d'Italia

Tornando alla piazza poi, da qui si diramano tante stradine ricche di botteghe che rimangono aperte per i turisti e tantissime bancarelle ricche di prodotti artigianali come creazioni in legno, tovaglie ricamate, addobbi natalizi, collane, gioielli e quadri di ogni forma e dimensione. Qui a Campo di Giove viene allestito il “Borgo incantato” e proprio tutte le vie del borgo vengono abbellite con luci, fiocchi e installazioni natalizie che sono davvero azzeccate sia per il periodo che per il contesto del borgo stesso.

La Big Bench

Seguendo le stradine del Borgo incantato poi, si possono seguire anche le indicazioni che portano a una panchina gigante da cui si può ammirare la Majella. Questa Big Bench si trova leggermente fuori dal centro del paese, ma si raggiunge facilmente con una camminata di circa 10 minuti. Vedendola da lontano, gialla e gigantesca, viene subito voglia di saltarci su e sedersi ad ammirare il panorama mozzafiato che si staglia davanti agli occhi.

Transiberiana d'Italia

Arrivati qui non sarà insolito trovare coppiette e fotografi, entrambi in cerca della giusta luce e dell’atmosfera adatta per foto ricordo e momenti da tenere sempre nella memoria. Io sono venuta quassù immediatamente, dopo essere scesa dal treno, perchè speravo di trovarla vuota e potermi fermare qualche momento in più, in attesa che tutti gli altri turisti arrivassero più lentamente, e ho fatto bene: c’ero solo io e una comitiva di 4 o 5 persone!

Fortunatamente per salire c’erano dei gradini, altrimenti avrei fatto una delle mie solite figuracce! Da qui il panorama è meraviglioso, ed è incredibile quanto basti poco per far conoscere ai turisti dei punti panoramici di questa bellezza, che altrimenti rimarrebbero sconosciuti ai più. Quella di Campo di Giove è la Big Bench n.274 e fa parte del progetto Big Bench Community Project, una Fondazione creata da Chris Bangle e sua moglie Catherine.

Mercatini di Natale in Abruzzo

La Fondazione nasce con l’intento di promuovere il territorio e sostenere le comunità locali dove le panchine giganti vengono installate grazie al turismo che deriva dalla loro installazione. Si tratta di una fondazione no profit, e trovo a dir poco poetico e retrò il concetto di rilanciare un territorio con l’uso di una panchina. Penso sia molto romantico e unisca alla perfezione la necessità di grandezza, fotogenicità e esagerazione dei tempi correnti con il bisogno di fermarsi, rallentare e godersi un paesaggio in modo offline.

Mercatini di Natale in Abruzzo

I mercatini di Natale in Abruzzo mi hanno colpito per la loro semplicità, e tra i due ho preferito sicuramente quello di Campo di Giove, che ho trovato più tipico e ricco di alternative sia enogastronomiche che per gli acquisti natalizi. La mia gita in Abruzzo alla ricerca dei mercatini si conclude con un’ottima soddisfazione, e devo dire che venire qui i giorni subito precedenti alle feste mi ha regalato momenti di relax di cui avevo davvero tanto bisogno.

Mercatini di Natale in Abruzzo

Come ho già detto, l’Abruzzo è una regione che sto iniziando a scoprire, e queste due destinazioni mi hanno messo ancora più voglia di vedere sempre di più di questa regione così poco gettonata. Tu cosa ne pensi? Dimmi la tua in un commento e non dimenticare di seguirmi su Instagram per venire in giro per il mondo con me, ma anche in giro per i ristoranti!

Al prossimo viaggio,

Erika

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *