Itinerario di 3 giorni a Vienna

Itinerario di 3 giorni a Vienna

Come organizzare un itinerario di 3 giorni a Vienna per fare in modo di non tralasciare nulla delle cose imperdibili della capitale austriaca

Recentemente sono stata a Vienna, capitale dell’Austria e casa dell’Impero Asburgico. Sono tornata in questa città dopo 11 anni dall’ultimo viaggio, e stavolta l’ho fatto con i miei genitori, in un viaggio di famiglia.

In questo itinerario di 3 giorni a Vienna sono riportate tutte le cose che abbiamo visto e fatto, consigli pratici per visitare la città, i posti dove mangiare a Vienna, le informazioni sul Vienna Pass e tanto altro! 

Vienna

Vienna è una bella signora che non passa mai di moda, senza mettere scollature né minigonne. Cosa vuol dire? Che è una città dall’eleganza senza tempo, sempre raffinata e mai fuori luogo, una città classica ma che allo stesso tempo è aperta al cambiamento. Il suo passato glorioso si respira nell’aria ma non vi rimane aggrappata, bensì ne fa un punto di forza da cui partire per spingersi verso il futuro.

Vienna è molte cose insieme, e visitarla permette di scoprire una città dal fascino sconfinato! Io per esempio non sapevo che fosse una città tanto verde, o che a tavola si alternano piatti grassi e sostanziosi ad altri estremamente fini e leggeri, in totale contrasto tra loro ma allo stesso tempo perfettamente bilanciati.

Visitare Vienna è un’esperienza da fare almeno una volta nella vita, non solo perché è una delle capitali più belle d’Europa da visitare in 3 giorni, ma anche e soprattutto perchè è una città viva, vivace, pulita e frizzante, la gente del posto è cortese e disponibile e permette a chiunque di fare un passo indietro nei gloriosi giorni dell’Impero più importante d’Europa e sentirsi per un momento parte di quel mondo!

Itinerario di 3 giorni a Vienna

Itinerario di 3 giorni a Vienna

Il mio itinerario di 3 giorni a Vienna comprende sia musei che edifici importanti, includendo anche attrazioni divertenti e tanti, tanti sapori tipici del luogo.

Ogni giorno è caratterizzato da qualcosa in particolare, e molto ha influito il meteo, perchè è stato estremamente variabile e mutevole (ho dovuto fare delle modifiche a causa di un giorno di totale pioggia!) fino all’ultimo secondo!

Ecco l’itinerario di 3 giorni a Vienna che ho creato e seguito per visitare la capitale austriaca, e che mi ha permesso di ammirare la città da diverse angolazioni e punti di vista, oltre che di assaporarne i mille gusti e odori! 

Giorno 1 – Vienna classica

La prima parola che viene in mente quando si nomina Vienna è “classico”, e quindi come non iniziare il mio itinerario di 3 giorni a Vienna, se non con le cose classiche da vedere, ossia i suoi castelli e palazzi, dimore asburgiche note in tutto il mondo per la loro estrema bellezza!

Itinerario di 3 giorni a Vienna

Il primo giorno a Vienna è iniziato con la visita al Palazzo di Schonbrunn, simbolo della città e residenza estiva degli Asburgo. Prima di entrare ci siamo concessi una bella colazione a base di brezel e muffin al caffè della biglietteria, per poi fare un giro dell’Orangerie e dei giardini sul retro del Palazzo.

Gli spazi verdi di Schonbrunn sono in gran parte gratuiti e aperti a tutti, immensi e curati nei minimi dettagli. Nel giardino ci sono un labirinto, tantissime siepi colorate e modellate con le forme più diverse, statue, fontane e chi più ne ha più ne metta. La visita al Palazzo è durata un paio d’ore in tutto, perché abbiamo scelto di non prendere l’audioguida (gratuita), ma solamente la brochure informativa. 

Gli interni del Palazzo sono sontuosi e ricchi, carichi di decori e dipinti, fregi e ornamenti che trasudano opulenza e sfarzo. Tra le sue mura si rivive la storia della famiglia più importante d’Europa passando attraverso le vicende personali dei suoi personaggi più illustri, da Maria Teresa d’Austria alla coppia imperiale di Franz e Sissi (Francesco Giuseppe I e Elisabetta di Baviera). Camminare tra le sale e i corridoi di questo edificio è meraviglioso, e tutto è di una bellezza incomparabile!

La seconda parte della mattinata l’abbiamo dedicata a Hofburg, la residenza invernale degli Asburgo. Proprio come a Schonbrunn, nemmeno qui si possono fare foto agli interni, e anche qui viene ripercorsa la storia della famiglia imperiale, con particolare focus su l’Imperatrice Sissi. Una mostra illustra il suo modo di vivere, le sue attitudini e le sue caratteristiche, dai vestiti alla toeletta alla passione per l’equitazione e la voglia di libertà: interessantissima!

Per il pranzo abbiamo deciso di optare per il classico pranzo al sacco, per l’intero itinerario di 3 giorni a Vienna, visti i prezzi elevati della città e considerato il fatto che nel corso della giornata avremmo mangiato anche altro…ma non voglio spoilerare nulla! Per mangiare ci siamo fermati al Volksgarten, subito di fronte a Hofburg, e poi ci siamo diretti al Castello del Belvedere.

Il Castello del Belvedere, contrariamente a quello che suggerisce il nome, non è un castello come gli altri due appena visitati, ma un museo, niente meno che uno dei musei più importanti di Vienna e d’Europa! Qui è esposta una collezione di Gustav Klimt e il suo rinomato “bacio”, oltre che tantissime altre opere importantissime. Inoltre, la magnificenza dell’architettura viennese si riconosce perfettamente e rende questo posto una gioia per gli occhi!

Dopo il Castello del Belvedere, che è l’ultima attrazione della giornata, inizia la nostra ricerca della migliore Sachertorte della città, che ci porta all’Hotel Sacher. Qui è stata inventata la famosa torta e viene custodita la ricetta originale, e fare merenda nel Cafè Sacher è una vera e propria esperienza! Non si può evitare una tappa qui durante un viaggio a Vienna! Dagli arredi eleganti al personale gentilissimo, tutto è in perfetto stile austriaco. E poi la Sachertorte…sublime!

Dopo la mangiata, bisogna smaltire, e quindi dal Caffè Sacher andiamo verso il Duomo di Santo Stefano, la chiesa più importante della città.

Itinerario di 3 giorni a Vienna

Vista l’ora, siamo riusciti a salire solo sulla Torre nord, quella più bassa, con l’intenzione di salire sull’altra nei giorni successivi. Con un ascensore si arriva a una terrazza panoramica che permette di far vagare lo sguardo a 360° sulla città sottostante. Da qui è mozzafiato la vista sul tetto del Duomo, perchè le sue tegole formano il disegno dello stemma imperiale e sono coloratissime!

Scesi dalla torre, è arrivato il momento dei souvenir, e per caso ho scoperto un punto segreto da cui ammirare il Duomo senza la massa di turisti ai suoi piedi, e dove poter fare foto davvero belle: una vetrina al piano superiore del negozio “World of souvenirs”.

Per la cena mi sono fidata del consiglio di un amico, e ho fatto benissimo! Siamo stati da Ribs of Vienna, e visto che era sabato, ho prenotato in anticipo, e meno male! Quando siamo arrivati la fila era già lunga e il locale era pieno zeppo! Qui abbiamo mangiato delle buonissime costine di maiale, il menù prevede tantissime varianti, e ci siamo letteralmente leccati le dita! Squisito!

Giorno 2 – Vienna e la cultura

Il secondo giorno del mio itinerario di 3 giorni a Vienna è dedicato interamente ai musei. Vista la pioggia abbiamo deciso di concentrare in questa giornata tutti i musei e le attrazioni al chiuso della città, sperando in una gioia per le cose da fare all’aperto nel giorno 3!

Itinerario di 3 giorni a Vienna

Il primo dei musei di Vienna che abbiamo visitato è il Museo di Storia Naturale, un posto divertente e simpatico, che rapisce per la sua architettura interna spettacolare e inaspettata, e che fa spuntare un sorriso a grandi e piccoli per la sua mostra immensa di minerali, piante e creature del mondo animale!

Questo è il museo gemello del Museo di Storia dell’Arte, che si trova all’altra estremità della piazza, prossima tappa della mattinata. Nel Museo di Storia dell’Arte è esposta la grandissima collezione artistica della famiglia Asburgo, che era nota per il suo accumulare pezzi unici e importanti. C’è un’ampia sezione dedicata all’antico Egitto e anche tantissimi oggetti particolarissimi di fattura elegante e raffinata!

Come nel giorno 1 di questo itinerario di 3 giorni a Vienna, anche per il secondo giorno abbiamo fatto un veloce pranzo al sacco, mangiato dirigendoci verso un posto che mi mette sempre allegria: il Madame Tussauds! Il museo delle cere più famoso del mondo, con sedi sparse per tutto il globo, è una tappa fissa per me e la mia famiglia, perchè ci piace confrontare le statue e paragonarle a quelle delle altre città. Il museo si trova all’interno del Prater, il luna park cittadino, ma vista la pioggia, per oggi ci limiteremo al Madame Tussauds!

Visto che al di fuori del Prater c’è una fermata del bus Hop on hop off, abbiamo deciso in maniera estemporanea di farci un giro, poichè eravamo in anticipo sulla tabella di marcia e questi bus sono la passione di mia madre (a me non piacciono granchè)! L’audioguida è stata interessante, e il giro che abbiamo fatto ci ha dato tante informazioni su Vienna che non conoscevo, ma soprattutto ci ha fatto scoprire la Torre del Danubio, un’attrazione che inizialmente avevamo scartato per paura di avere tempistiche troppo strette.

Una volta ascoltata la descrizione però ci siamo talmente incuriositi che abbiamo deciso di inserirla nel nostro itinerario di 3 giorni a Vienna! Anche in questo caso però, causa pioggia ci troviamo costretti a rimandare la visita al terzo giorno.

Dopo il giro in bus si può dire che sia iniziato il mio nuovo viaggio a Vienna, poiché tutto quello di cui ho parlato finora lo avevo già visto nel mio primo viaggio qui, mentre ciò che seguirà è per me una novità assoluta!

Terminato il nostro giro, torniamo in centro, dove ci attende la Biblioteca Nazionale Austriaca. Ero super curiosa di vedere questo luogo perché sono un’amante della lettura e delle biblioteche storiche e particolari (come la Libreria di Porto), e non sono rimasta delusa!

La Biblioteca Nazionale Austriaca è un luogo magico e senza tempo, dove aleggia un senso di sapere e dove tutto sembra andare più lento. Le immense librerie alle pareti con gli scaffali straripanti di libri, la grande statua al centro della sala e il magnifico affresco sulla volta della Biblioteca sono immagini che non mi toglierò più dalla mente!

La giornata trascorre liscia e piena di cose belle, ma nel mentre un certo languorino si fa sentire…è arrivato il momento della merenda! Per la seconda Sachertorte di Vienna ci rechiamo da Demel, percorrendo il centro della città con le sue strade commerciali.

Anche qui veniamo accolti in un ambiente curatissimo ed elegante, però visibilmente più “giovane” di quello del Caffè Sacher.

Itinerario di 3 giorni a Vienna

Qui ho assaggiato, oltre alla Sachertorte, anche i Kaiserschmarren, dei pezzetti di crepe sbriciolata accompagnati da una salsa alle prugne, deliziosi!

Purtroppo la pioggia non ci ha mai abbandonati, quindi decidiamo di tornare a casa nonostante sia ancora metà pomeriggio, e riprenderci dall’umidità prima di uscire per la cena. Il ristorante che abbiamo scelto si chiama XXL Leopoldauer Alm ed è un locale lontano dal centro ma facilmente raggiungibile in metro, in stile baita (legno chiaro, campanelli, tendine bianche e rosse e personale in divisa tirolese).

Qui si mangia tanto e bene, e un piatto che il menù definisce per due persone, ne sfama tranquillamente 3! Un bel finale di giornata direi! 

Giorno 3 – Vienna insolita

Per l’ultimo giorno del nostro itinerario di 3 giorni a Vienna abbiamo tenuto le cose più particolari, anche perchè era l’unico giorno in cui si prevedeva sole! La giornata inizia prestissimo (alle 6 per la precisione!) perchè dobbiamo assicurarci i biglietti per il Municipio di Vienna andando alla biglietteria all’apertura. Visitare il Municipio è un pò complicato e va incastrato bene all’interno di un itinerario di 3 giorni a Vienna, ma anche questa missione è stata portata a termine con successo! 

10 cose da non perdere a Vienna

Dopo aver preso i biglietti (numerati 1, 2 e 3!) ci siamo concessi una bella colazione a base di krapfen e brioches, totalmente meritati vista l’alzataccia! Carichi per la prossima visita, ci dirigiamo verso l’Opera di Stato di Vienna. La visita guidata di 40 minuti che abbiamo fatto qui è stata una delle mie preferite in assoluto: oltre ad essere in italiano, ci ha raccontato la storia del teatro e tanti aneddoti strani e divertenti, come per esempio la quantità dei costumi di scena che si trovano nel magazzino (180.000!) o il fatto che ogni sera viene inscenato uno spettacolo diverso.

L’Opera di Stato è un edificio magnifico, molto molto decorato e impreziosito da statue e colonne, tutto di marmo e con dei lampadari sensazionali. La sala è meravigliosa e fa venir voglia di assistere a un’opera! Peccato non averlo fatto!

Il meteo ha deciso di graziarci e regalarci un bel sole, quindi ne approfittiamo per continuare a passeggiare per le vie del centro, ammirando gli edifici e le strade. La prossima tappa è la Cripta Imperiale, dove riposano i resti della famiglia Asburgo e dei loro parenti e coniugi più importanti. Anche qui si capisce immediatamente l’importanza di alcuni personaggi rispetto ad altri, dato che le loro tombe superano in grandezza e imponenza tutte le altre!

Mi ha fatto effetto vedere fiori freschi sulle tombe di Sissi e Franz, e percepire l’attaccamento delle persone alla loro vita anche a distanza di tanti anni!

Visto il sole altissimo e forte abbiamo deciso di approfittare e visitare la torre sud del Duomo di Santo Stefano, quella più alta. Per arrivare in cima bisogna fare 343 gradini, e quindi non è per niente una passeggiata, però la vista dall’alto è meravigliosa, in particolare con il bel tempo!

Prima menzionavo la difficoltà di visitare il Municipio, una parte di questa risiede nel fatto che la visita è solo alle 13.00, solamente di lunedì, mercoledì e venerdì, e questo fattore ha inciso ampiamente nella creazione dell’itinerario di 3 giorni a Vienna!

La tarantella però è valsa la pena, perchè il Municipio è un edificio sensazionale, enorme e sconfinato. Vederlo da dentro è interessantissimo perchè anche in questo caso, la guida è stata piacevole e per niente pesante. Menzione speciale merita la Sala del Consiglio, una meraviglia pura!

Proprio fuori dal Municipio c’è un ampio parco, per cui per il pranzo ci siamo fermati all’ombra degli alberi, prendendoci un minuto di pausa e di relax. Non troppo però, perché Karlskirche ci aspetta! Questa chiesa è particolarissima con le sue colonne bianche e la sua cupola verde, e me ne sono innamorata al primo sguardo! Il panorama dalla sua terrazza non è niente di che, ma il suo interno è spettacolare, mi ha persino fatto apprezzare il rosa!

Sfruttando il sole e il bel tempo, abbiamo poi deciso di fare un rilassante giro in battello sul Danubio, sperando di vedere la città da un punto di vista diverso e di scoprire ancora qualcosa in più su come si svolge la vita qui. Questa attività non mi ha entusiasmata a dire la verità, perché in un’ora e mezza mi aspettavo di vedere di più, e di non fare semplicemente su e giù. Inoltre dal fiume non si vede granchè, e la darsena è una comunissima darsena, con palazzi particolari e locali alla moda. Piacevole essere cullata dall’acqua, ma sconsiglio di includere questo giro in un itinerario di 3 giorni a Vienna, se comporta escludere altro!

Dopo il relax del battello, ci aspetta l’ultima merenda viennese, e come location abbiamo scelto il Café Central. Questo è il posto che esteticamente mi è piaciuto di più, però è vero anche che è il più “modesto” dei tre, pur rimanendo uno dei caffè storici di Vienna più belli e famosi.

Itinerario di 3 giorni a Vienna

Mi è piaciuta tantissimo la Sachertorte, ma la vincitrice indiscussa rimane quella del Cafè Sacher!

Il pomeriggio è inoltrato e il sole inizia a farsi meno forte, quindi è arrivato il momento di andare ad ammirare il tramonto dal punto più alto della città: la Torre del Danubio.

Questo posto è stata la vera rivelazione di questo viaggio, quella chicca inaspettata che mi ha regalato un ricordo indelebile.

Inserita in un contesto moderno e pieno di verde, la Danube Tower è un osservatorio che ospita 2 ristoranti rotanti e un caffè, oltre che la bellissima terrazza panoramica che permette di ammirare Vienna dall’alto a 360°! La salita in ascensore dura appena 35 secondi e porta fin su, dove la vista è impagabile! Da qui si gode davvero uno spettacolo unico.

La Danube Tower mi ha riempito lo sguardo e il cuore in un modo che non mi aspettavo, e piena di queste sensazioni, come ultimissima tappa del nostro itinerario di 3 giorni a Vienna, porto mamma e papà al Prater, per fare un giro sull’iconica ruota panoramica! Anche da qui la vista è bellissima, e il tramonto ci mette il suo! Il Prater mi ha ricordato il Luneur, il lunapark di Roma dove andavo sempre da bambina, e mi ha fatto tornare alla mente ricordi felici, quindi è stato un’ottima chiusura per il nostro viaggio a Vienna!

Itinerario di 3 giorni a Vienna – info pratiche e consigli utili

Itinerario di 3 giorni a Vienna

Come ho creato questo itinerario di 3 giorni a Vienna? Farlo non è stato semplicissimo, sia per via del meteo che cambiava continuamente, sia perchè alcune attrazioni andavano prenotate in anticipo o avevano giorni fissi di visita (come l’Opera e il Municipio). Ho tenuto conto dei gusti sia miei che dei miei genitori, e ho seguito tutti gli step che uso di solito per creare un itinerario perfetto, e il risultato è stato un viaggio intenso, bello e ricco sotto tanti aspetti.

Per creare un itinerario di 3 giorni a Vienna bisogna tenere in considerazione diverse cose, tra cui i mezzi di trasporto, la distanza tra un’attrazione e l’altra, e non da meno, il fatto che Vienna è una città per niente economica, per cui ogni modo per risparmiare è ben accetto! Di seguito elenco cosa bisogna sapere prima di partire per l’Austria e creare un itinerario di 3 giorni a Vienna.

Come muoversi a Vienna

Alla domanda su come muoversi a Vienna rispondo che è veramente semplice, perchè tutti i suoi mezzi di trasporto pubblico funzionano alla perfezione, dai bus alla metro ai tram! Acquistando gli abbonamenti direttamente nelle stazioni metro, con €17 a testa si può viaggiare per una settimana su tutti i mezzi di trasporto illimitatamente. 

Vienna è sicura anche di notte, e la puntualità è un must: è davvero una città efficiente in questo senso! Tutta la città è servita benissimo e si può raggiungere il centro in una quindicina di minuti senza problemi da qualunque direzione.

Come muoversi a Vienna per le vie del centro? Camminando, sia perchè i luoghi di interesse sono tutti piuttosto vicini, sia perchè in questo modo si può respirare la tipica aria viennese e ammirare le splendide vie con i meravigliosi palazzi dell’era imperiale! Scarpe comode e passa la paura!

Spostamento da/per l’aeroporto

Tra tutte le informazioni su come muoversi a Vienna, questa è stata la più difficile da decifrare, perchè sebbene online sembrasse semplice, in loco non lo era affatto! Cercherò di essere il più precisa possibile per evitare ad altri le mie difficoltà logistiche su come muoversi a Vienna dall’Aeroporto!

Dall’Aeroporto di Vienna si può arrivare in centro in diversi modi. Il più facile è sicuramente quello di prenotare un transfer privato che dall’Aeroporto porti direttamente all’alloggio, ma è anche il metodo più dispendioso. Mediamente siamo sui €25 a persona per un a/r, ma dipende sempre dalle compagnie di transfer, dal numero di persone e dalle disponibilità.

Si può arrivare in centro con il treno diretto della linea CAT (linea verde) ad un costo di circa €25 per l’a/r. I treni sono in funzione dalle 06.00 alle 23.00, ma a parità di prezzo, secondo me conviene il transfer, poichè permette di viaggiare comodi e di arrivare direttamente alla destinazione in 15/20 minuti.

Se si vuole scendere ancora di prezzo, ci sono i bus che da diverse stazioni del centro città portano in Aeroporto e viceversa, ad un costo di €16 a/r, ma la percorrenza è sicuramente più lenta (circa 30/40 minuti)

La soluzione più economica è quella che sfrutta la linea dei treni OBB Railjet (linea rossa). Con €8 si va e si torna, ma bisogna fare attenzione se per arrivare a destinazione si deve fare un cambio: Google Maps può aiutare, perchè i biglietti cartacei non lo faranno! Il tempo di percorrenza in questo caso si aggira sui 30 minuti.

Il mio consiglio è di utilizzare i treni della linea rossa, facendo appunto attenzione ad eventuali cambi, sfruttando Google Maps. Io trovo che sia la soluzione più pratica e che permette di risparmiare un pò, ribadisco che Vienna non è una città economica!

Vienna Pass

Itinerario di 3 giorni a Vienna

Vienna, come già detto, non è una città economica, e le singole attrazioni non hanno prezzi contenuti, quindi secondo me il miglior modo per visitare tutto e risparmiare sugli ingressi è acquistare il Vienna Pass, che dà accesso a tutti i principali luoghi di interesse. Quello che rimane escluso dal Vienna Pass, in riferimento al mio itinerario di 3 giorni a Vienna, sono le due torri del Duomo di Santo Stefano e Karlskirche, tutto il resto è incluso!

Oltre a tutte quelle già menzionate, il Vienna Pass include tantissime altre attrazioni, dai musei allo zoo, che a seconda dei gusti possono essere inserite in un itinerario di 3 giorni a Vienna! Io per un Vienna Pass di 3 giorni ho pagato circa €50. Il Vienna Pass è nominativo e non cedibile, e si attiva con il primo scan. Ha validità oraria, quindi 24, 48, 72 ore e oltre. Non comprende gli spostamenti con i mezzi pubblici, ma l’uso dei bus hop on hop off!

Secondo me il Vienna Pass è la soluzione migliore per risparmiare e non dover escludere nulla in un bell’itinerario di 3 giorni a Vienna!

Dove mangiare a Vienna

Vienna è una città dove la cultura culinaria è molto ben definita, anche se molto ampia, quindi dove mangiare a Vienna per assaggiare il cibo tipico senza spendere un capitale?. Qui si passa da cotolette giganti a raffinate torte, ma tutto è sempre perfettamente in linea con lo stile viennese. I posti dove mangiare a Vienna se si vuole gustare l’autentico cibo austriaco, sono le gasthaus, che sono paragonabili alle nostre osterie. Qui si seguono le ricette originali e spesso e volentieri i menù non sono tradotti in italiano o in inglese: sono locali frequentati da persone del luogo! Io ho mangiato da Gasthaus Kopp e mi sono trovata molto bene!

Un’altra fetta importante della cucina viennese è rappresentata dallo street food: wurstel, hot dog, patate fritte, brezel e chi più ne ha più ne metta, i piatti tipici viennesi passano anche per i baracchini in giro per la città! Consiglio Bitzinger, il chiosco più famoso di Vienna!

Per quanto riguarda invece i dolci, non posso non menzionare il Cafè Sacher e il Cafè Demel, i più famosi in assoluto, ma va detto che i caffè storici della città sono numerosissimi, quindi c’è l’imbarazzo della scelta quando si deve scegliere dove mangiare a Vienna, in ogni caso non si rimane delusi dall’altissima qualità dei prodotti venduti e dall’ambiente sempre curato ed elegante!

Un consiglio generico su dove mangiare a Vienna che voglio dare è quello di prenotare sempre in anticipo per non incappare nelle classiche trappole per turisti, perchè i prezzi per una cotoletta in questi posti possono arrivare anche a €25, e insomma, mi pare un pò eccessivo! Cercando online e prenotando in anticipo si risparmia tempo e si ottimizzano le finanze, perchè si trovano molti posti in cui cenare abbondantemente con €20/25 a testa!

Itinerario di 3 giorni a Vienna

Quanto stare a Vienna

Il numero di giorni esatto per visitare Vienna nella sua totalità è 4 o 5 giorni pieni, in questo modo si riescono a vedere anche i dintorni e ad approfondire più musei e attrazioni più piccole. Se invece si ha meno tempo a disposizione, come nel mio caso, con un itinerario di 3 giorni a Vienna si riescono a vedere tutte le cose che non si possono assolutamente perdere, e anche qualcosina in più. 

Il mio consiglio è di dedicare almeno 3 giorni pieni alla visita della città, quindi arrivare la sera prima l’inizio dell’itinerario e ripartire il giorno dopo la sua fine può essere un buon compromesso, orari e voli permettendo ovviamente!

Bye Bye Vienna

Il mio viaggio a Vienna è stato inaspettato, e forse proprio per questo anche estremamente bello e necessario. Sono tornata a rivedere una città che sin da subito mi aveva affascinata, e ho rinnovato quel sentimento con nuove immagini e nuovi luoghi.

Ho assaggiato nuovi sapori e sentito nuovi odori, ho scoperto nuovi scorci e visto panorami inaspettati. Vienna è un’esperienza. Ci sono tantissimi luoghi da non perdere, piatti da provare e chicche da scoprire, ed è una città adatta a tutti.

Sul mio profilo Instagram ci sono tanti contenuti su tutto l’itinerario, e sono a disposizione per qualsiasi tipo di consiglio o suggerimento per organizzare un viaggio su misura perfetto, scrivimi!

Al prossimo viaggio,

Erika

Condividi l'articolo

8 commenti su “Itinerario di 3 giorni a Vienna”

  1. Non sono ancora stata a Vienna ma ne ho sentito parlare molto bene e tu mi hai appena dato conferma che vale assolutamente la pena visitarla! Mi salvo il tuo itinerario perché più o meno sono le stesse cose che vorrei fare/vedere io in città 🙂

  2. Sono stata a Vienna un paio di volte, ma è sempre un gran piacere tornare. Sono molto legata a questa città, così romantica ed accogliente. E poi la sacher del Caffè Sacher crea una dipendenza a vita.

  3. Quando sono stata la prima volta a Vienna, sono rimasta molto stupita dalla vivacità della città, che non mi aspettavo davvero, immaginandomela regale e quasi algida. Devo tornarci, magari in un’altra stagione.

  4. Entrambe le volte che sono stata a Vienna ho avuto con me il Vienna Pass, l’ultima volta omaggiato dall’Ufficio del Turismo grazie alla mia collaborazione con esso: una vera manna! Musei e luoghi di cultura gratis o scontati, un bel vantaggio!
    Vienna si può visitare davvero in molti modi, è una città talmente ricca di attrazioni meravigliose che un viaggio non basta!

  5. Io penso che tre giorni a Vienna siano davvero pochini per poter apprezzare appieno la città; se pensi che per vedere bene il Palazzo di Schoenbrunn ci vuole almeno una giornata. Però, meglio pochi giorni di corsa che niente!

  6. Sono stata a Vienna molti anni fa e devo dire che la parte “insolita” non sono riuscita a visitarla. Tornerei nella splendida città di Sissi anche domani, perchè l’ho amata molto. Spero di poter esplorare anche i posti che a quanto pare mi sono sfuggiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *