Visitare Perugia in un giorno

Avere un giorno a disposizione per visitare Perugia è sicuramente poco, e consiglio di fermarti più tempo se vuoi vederla più approfonditamente. Nel mio caso però, questo poco tempo ha un senso: ho inserito Perugia in un viaggio in Umbria di tre giorni in cui ho cercato di concentrare quante più attività possibili. 

Perugia in un giorno, scopriamola insieme!

Partiamo quindi dal mio ingresso a Perugia: venivo da una giornata ad Assisi, ero stanca e affamata, quindi dopo aver fatto il check-in in hotel, sono andata direttamente a cena.

Proprio al centro di Perugia, c’è il ristorante Il Baldo. Qui ho trovato cordialità, porzioni abbondanti e qualità delle materie prime. Il rapporto qualità-prezzo è eccellente di suo, ma io ho sfruttato anche lo sconto del 20% prenotando con TheFork! Puoi prenotare anche tu direttamente da qui!

Eravamo in due, quindi abbiamo deciso di dividere un antipasto tipico, e a seguire un primo a testa. Io ho scelto i tortellini con panna e salsiccia…una prelibatezza assoluta! L’antipasto era veramente ricco e vario: dai fritti misti ai salumi locali, l’ho trovato gustoso e sfizioso. Menzione a parte merita la Torta al testo, una sorta di focaccia tipica di queste parti, che in altre città (ad esempio Gubbio) viene chiamata Crescia. Morbida, appena sfornata, deliziosa…che dire: una degna conclusione di una giornata intensa, ricca e impegnativa!


Il Pozzo Etrusco

Il mattino seguente, mi sono rimessa in marcia per visitare Perugia in un giorno. La prima meta della mia giornata è il Pozzo Etrusco di Perugia. Situato nell’attuale piazza Piccinino, nel punto più elevato della città, il Pozzo Etrusco si sviluppa nei sotterranei di Palazzo Sorbello, ed è uno dei più rilevanti esempi di ingegneria ed architettura idraulica etrusca. La sua profondità è di 37 metri, e se penso che è stato costruito nel III secolo a.C. mi vengono i brividi!

La visita è breve, ma interessantissima: un video introduttivo spiega la storia e la costruzione del pozzo, e il suo utilizzo nel corso dei secoli. Si può accedere al pozzo solamente 10 persone per volta, poiché il passaggio è molto stretto. Scendendo in profondità si può arrivare al centro del pozzo tramite una pedana trasparente che permette di vedere al di sotto. È un’esperienza suggestiva e particolare pensare di essere tanti metri sotto terra, e pensare che tutto quello che ti circonda è stato realizzato così tanto tempo fa!


Piazza IV Novembre

Risalita dal pozzo mi dirigo verso il Duomo di Perugia (Cattedrale di San Lorenzo), e qui vengo abbagliata dalla maestosità dei suoi interni: colonne altissime, affreschi meravigliosi, navate ampie, lampadari enormi e altissimi e vetrate che canalizzavano la luce del sole in maniera perfetta. Ero in visibilio! 

Il Duomo affaccia su Piazza IV Novembre, dove sono presenti anche la Fontana Maggiore e il Palazzo dei Priori. Questo è il centro della città e cuore pulsante di tutte le sue attività, e inoltrandosi un pò nelle sue vie si può ammirare la bellezza della sua architettura e dei suoi scorci. 


L’Acquedotto medievale

Come anticipato, visitare Perugia in un giorno è impegnativo, quindi dopo aver girovagato un pò per il centro, vado verso l’Acquedotto Medievale: un’opera idraulica straordinaria che risale al 1280 e che rimase in uso fino al 1835, quando fu dismesso a causa di problemi manutentivi. Una volta cessata la sua funzione, il tratto finale fuori terra fu trasformato nel caratteristico percorso pedonale che vediamo oggi, diventando una delle vie cittadine più tipiche.

Rimasta incantata da questa passeggiata tra i palazzi perugini, torno alla macchina percorrendo tutto l’Acquedotto e passando davanti all’Università per stranieri, che mi ha lasciata esterrefatta per la sua facciata ricchissima.


Visitare Perugia in un giorno…o quasi!

Il giro continua con direzione Oratorio di San Bernardino. Questo complesso (in cui rientra anche l’Oratorio di Sant’Andrea) risale alla metà del XV secolo e rappresenta il massimo esempio di arte rinascimentale a Perugia. Si tratta di una chiesa di dimensioni ridotte, quindi mi trattengo poco, e riparto subito diretta alla Casa del cioccolato. Trovandosi leggermente fuori Perugia, la sconsiglio a chi si muove a piedi o con i mezzi e, per evitare quello che è successo a me, consiglio di prenotare. La Casa del cioccolato è infatti visitabile solo su prenotazione, mentre si può accedere liberamente agli shop esterni.

Bye Bye Perugia

Finisce qui la mia breve ma intensa esperienza a Perugia, e so già che è una città che dovrò approfondire e rivivere. Visitare Perugia in un giorno è stato divertente, stimolante e interessantissimo. La cosa che ho preferito in assoluto è stata la visita al Pozzo Etrusco, ma anche tutto il resto merita veramente tanto!

Visto che sono solo a metà del mio tour in Umbria, parto alla volta di Gubbio, la mia prossima meta!

Leggi l’articolo dedicato ad Assisi, la prima tappa del mio viaggio, e se ti piace, lasciami un commento!

Per scoprire invece le altre tappe del tour, leggi gli articoli su Gubbio e Spello e Spoleto.

Seguimi su Instagram per vedere tanti contenuti, stories e foto dei miei viaggi.

Se vuoi chiedermi consigli sul tuo viaggio in Umbria, scrivimi qui!

Al prossimo viaggio,

Erika

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *